Il mio tempo

Libro di liriche e pensieri  con cui l'autore traccia con mano delicata e a tratti con dolente sensibilità la propria geografia interiore... la linea d'ombra di un quotidiano, dialettico, contraddittorio rapporto con il mondo...

Hanno detto del libro: 

Quelle del poeta Liguori sono pagine ricche di emozioni profonde, di tracce di momenti felici e dolorosi vissuti con grande forza e intensità. Un duro realismo pervade l'animo rassegnato del poeta che non sprofonda, però, in un cupo pessimismo grazie alla dolcezza dei toni lirici e alla speranza che gli antichi valori e i sentimenti più puri possano regalare una vita migliore, degna di essere vissuta. Accenti di grande pathos si fondono armoniosamente con espressioni leggere, briose, in cui il poeta non perde mai di vista la fiducia in una moralità che sembra sempre più scomparire tra le feroci regole del vivere quotidiano. Le poesie raccolte in questo testo permettono al lettore di osservare luci e ombre della vita del poeta quasi come se la sua esistenza fosse riflessa in uno specchio d'acqua in cui è possibile cogliere un animo provato, deluso ma estremamente limpido, puro.

Mariangela Lepre

Sembra, a tratti, quasi di ripercorrere idealmente con lui il cammino d’una vita. Tra ricordi, nostalgie, solitudini, tra il rimpianto di un passato felice e la speranza di un Tempo più giusto, il nostro Gennaro Liguori ci trascina, con dolcezza prepotente, nel Suo tempo. Tempo fatto di anni, e giorni, e attimi, tra dolori, assenze, scelte. Tempo che però è anche nostro, tempo condiviso, tempo popolato di presenze care, d’illusioni, di voci, di paure, di lutti e d’amori. E’ qui che risiede la potenza delle sue parole: v’è in esse quel potere (raro, rarissimo) di condivisione, la possibilità, per ogni lettore, di riconoscersi in esse. Di vibrare, d’emozionarsi, commuoversi. Con un linguaggio piano, rassicurante, il linguaggio proprio d’una confidenza sussurrata, d’un racconto ad amici dopo una cena calma, quando gli odori, i sapori, il calore sembrano confonderci e spingerci alla franchezza, Gennaro Liguori ci parla con autenticità profondissima. E c’è amarezza, a volte, nella sua voce (come nella magnifica “Terza età”), e c’è disincanto, e orgoglio e dolcezza (in “Antonio”, parole d’amore commosse al figlio), e fierezza, e consapevolezza lucida di sé. E c’è il dolore, quello estremo, in “La morte di mio padre”: ma non è dolore urlato, non è dolore esibito. E’ un dolore pudico, che sceglie per esprimersi parole delicate, che si lascia intuire, più che ascoltare, che si fa percepire, più che vedere. La lirica finale, sintesi d’un intero percorso, fonde amarezza e speranza, in un connubio dolcissimo. E con Lui, vorremmo anche noi “correre, correre per cercare qualcosa di diverso, prima di chiuderla, questa vita.”

Daniela Giovannetti

Quarta di compertina

“Il mio tempo”,il tempo e le esperienze  di una vita.
Nelle pagine del suo libro di liriche e pensieri ,traccia su un ideale atlante esistenziale,con mano delicata e,a tratti con dolente sensibilità,la propria geografia interiore,l’itinerario dei sentimenti,delle emozioni,
delle speranze e delle disillusioni,dei disincanti che ancora oggi attraversano le sue giornate,la linea d’ombra di un quotidiano,dialettico,contradditorio rapporto con il mondo. Tra le righe una riflessione impietosa e senza indulgenze,spesso dal retrogusto amaro,su momenti belli e brutti,bui  e felici,
chiaroscuri di una vita comunque amata,sempre vissuta con slancio e,ed altempo stesso con inquieto candore,mai perdendo la rotta dei sogni,di “antichi” e solidi valori,la misura del suo passo d’incontro con l’umanità.

G.Pompameo